Un amico geloso è peggio di mille nemici. Perché lo chiamiamo amico

Doversi difendere da chi non avremmo mai pensato potesse ferirci, è uno dei più grandi dispiaceri della vita

“Nella vita bisogna sapersi difendere. Ma la cosa peggiore è doversi difendere da chi mai avresti pensato potesse ferirti”.
Recita così uno degli aforismi più noti di Samuele Lion. Perché è preferibile avere mille nemici, piuttosto che un solo amico geloso.

Nessuno di noi si augura di avere dei nemici, di combattere contro odio, invidia e cattiveria. La vita spesso pone sul nostro cammino questi individui nostro malgrado e nostro malgrado siamo costretti a difenderci. O ad ignorarli quando è possibile prendere le distanze.

Ma ritrovarci a combattere, a difenderci da chi ritenevamo un amico, è molto peggio. Perché è quella persona che ha riso con noi mille volte, con il quale abbiamo condiviso giornate di pioggia e di sole.

Quella che magari abbiamo aiutato in tante circostanze e senza che nemmeno ce lo chiedesse. Che occupa un posto importante nel nostro cuore. Che chiamiamo “amico”. Semplicemente.

Scoprire di avere un amico geloso è uno dei più grandi dispiaceri che si possano provare. Una sorta di lutto. A morire è la fiducia, la freschezza di un sorriso, il conforto di pensarlo accanto a noi. Nella nostra vita.

Purtroppo non è così raro che accada. La gelosia è un sentimento che divora ogni energia o vibrazione positiva. Prende possesso, rende prigionieri. E i nostri amici potrebbero non esserne immuni.

Amico geloso

Anche quelli di vecchia data, quelli “collaudati” negli anni, ma che improvvisamente lasciano che invidia e frustrazione prendano il sopravvento.

Il geloso è un fastidio per gli altri, ma è un tormento a se stesso.
(William Penn)

Così li vediamo sempre meno disponibili a gioire dei nostri successi. Li sentiamo svilire i nostri sogni e i progetti per il futuro.

Le loro critiche diventano più taglienti, spesso immotivate. Ingiuste in qualche caso. E a quel punto non possiamo più nasconderlo a noi stessi.

Un amico geloso diventa peggio di un nemico

Perché nei confronti di un nemico siamo maggiormente consapevole, possiamo proteggerci meglio. Alzare barriere, costruire muri. Con un amico no.

Un amico ha il passaggio libero nel nostro cuore. Via libera nella nostra vita, tra i nostri sentimenti e tra le nostre emozioni.

“Dagli amici mi guardi Dio che dai nemici mi guardo io”, recita un antico proverbio.

Perché non saremo mai pronti a combattere contro un amico. Anche se si tratta di un amico geloso. Dolore e delusione ci renderebbero più fragili. Sicuramente più deboli. Perché lo chiamavamo amico.

Un invito alla lettura: 

Giornodopogiorno.org è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close
Close