L’amicizia autentica sopravvive alla distanza senza che nulla cambi

Un legame tanto antico quanto raro da instaurare. Quello autentico

Si decide in fretta di essere amici, ma l’amicizia è un frutto che matura lentamente.
(Aristotele).

È uno dei mali del nostro tempo. Quello dei legami che si stringono in 5 minuti e ne impiegano 3 per morire. Quello delle relazioni effimere o di convenienza.

L’amicizia è in bocca a tanti ma nel cuore di pochi.
(Livia Cassemiro)

Rapporti vestiti di gentile ipocrisia, scanditi da baci e abbracci vuoti, quando non addirittura virtuali. Ma l’amicizia autentica è altro.

Un frutto che matura giorno dopo giorno. Sotto il sole, contro le intemperie.. strizzando l’occhio all’azzurro del cielo e bevendo pioggia per condividere la sorte.

Un frutto raro l’amicizia autentica, di quelli che raramente crescono anche nei giardini del Re.

È una musica che suona all’improvviso, una piccola magia che nasce da una coincidenza spesso. È la libertà di due anime che si riconoscono senza essersi viste mai.

Amicizia autentica

Ed è una mano sempre tesa l’amicizia autentica

Per offrire, sostenere, per rassicurare quando i sassi sulla strada ti fanno inciampare. Per prendere. La tua e senza lasciarla mai.

E non è importante vedersi sempre, sentirsi regolarmente ogni giorno. Ti vive nel cuore l’amicizia. Quella autentica.

Non ha vincoli, nemmeno obblighi. Vuole esserci e non vorrebbe essere altrove.

I legami più profondi non sono fatti né di corde, né di nodi, eppure nessuno li scioglie
(Lao Tzu)

La vita separa le persone ogni giorno. Siamo obbligati spesso, a prendere direzioni che ci allontanano dai nostri luoghi, dai nostri affetti. Ma nel cuore, tutto ciò che è autentico, sopravvive.

Non c’è distanza che possa separare una vera amicizia… Forti legami rimangono e sfidano il tempo… perché hanno una sola casa: il cuore…
(Colette Haddad)

L’amicizia autentica sopravvive. Alla distanza, al silenzio. E nulla cambia. Non muta l’intensità di quel sentimento che continua da lontano a scaldare i pensieri. A illuminare i ricordi.

Sopravvive l’amicizia autentica. Al tempo che passa, alle eventuali discussioni. Alle incomprensioni e alle frasi non dette.

“Amico mio, accanto a te non ho nulla di cui scusarmi, nulla da cui difendermi, nulla da dimostrare: trovo la pace… Al di là delle mie parole maldestre tu riesci a vedere in me semplicemente l’uomo.”
(Antoine de Saint-Exupery)

È così l’amicizia. Quella autentica.

Un invito alla lettura: 

 

Giornodopogiorno.org è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato con le nostre notizie
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.