Il mio problema? Le aspettative. Sono la fonte delle delusioni

La fonte di molte delusioni? Pensare che che gli altri farebbero per noi quello che faremmo per loro.

Accade a molti, e molto frequentemente, il fatto di pensare che gli altri si comportino come noi facciamo con loro. È questa la situazione che fa provare le delusioni più forti, quella speranza che finisce per travolgere il concetto stesso di fiducia.

La fonte delle delusioni sono le aspettative

Le persone in buona fede si aspettano che anche le altre persone agiscano come loro, con la stessa spontaneità e sincerità.

Ecco perchè diventa un problema quando ciò non accade, quando si tocca con mano che gli altri non si comportano come noi ci comportiamo con loro.

Le delusioni

“Niente ferisce, avvelena, ammala, quanto la delusione.
Perché la delusione è un dolore che deriva sempre da una speranza svanita, una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita”.

O. Fallaci

Scriveva così Oriana Fallaci, una donna che ha vissuto una vita in trincea, sempre protesa a combattere per cause nobili e nelle quali credeva.

E sovente ferita quando coloro che pensava fossero al suo fianco, si defilavano in silenzio, lasciandola senza parole.

Le aspettative generano delusioni

Perchè, in fondo, è questa la vera natura della delusione, quella di aspettarsi che gli altri agiscano e si comportino come noi facciamo con loro.

Le aspettative

Beato chi non si aspetta nulla, perché non resterà mai deluso.”
Alexander Pope

È forse questa l’origine di molte delusioni, cioè il fatto di crearsi aspettative alle volte eccessive, quando non proprio illusorie.

Perchè vivere con il pensiero che una persona affronti la vita con la stessa mentalità che abbiamo noi è all’origine di molte delusioni.

Quelle che nascono dalla convinzione che gli altri si comportino come noi faremmo nella stessa situazione.

È allora giusto non aspettarsi mai nulla dagli altri? Vivere cioè come se non potesse mai arrivare un gesto inaspettato e sorprendente?

Qualche consiglio utile

aspettarsi che gli altri agiscano e si comportino come noi facciamo con loro.

“La perseveranza è il duro lavoro che fai dopo che ti sei stancato del duro lavoro che hai fatto.”
Newt Gingrich. Scrittore statunitense

Qualcuno la chiama perseveranza, altri resilienza, ed è quella capacità che ci consente di non abbatterci di fronte alle delusioni. Alle aspettative deluse.

Di non smarrire le nostre qualità migliori, e poter guardare al futuro incuranti se gli altri non si comportano come noi facciamo con loro.

È impossibile infatti pensare che un’altra persona sia, in realtà, come noi vorremmo, e agisca di conseguenza.

Non perdere mai il sorriso, anche di fronte a certi temporali inaspettati, è quindi l’antidoto migliore per non finire nel tunnel dello stress.

Prendere atto che una persona non si comporta come noi facciamo con lei deve essere un suo problema, non il nostro!

Potrebbe interessarvi leggere:

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close