Intervista a Brian Weiss: il guru della reincarnazione

intervista a Brian Weiss

Brian Weiss il guru della reincarnazione occidentale ha parlato in questa intervista delle sue esperienze personali e del suo rapporto con la comunità scientifica tradizionale.

Laureato con lode alla Columbia University School of Medicine, con un diploma post-laurea alla Yale University, Brian Weiss è stata una delle più giovani personalità psichiatriche del prestigioso Mount Sinai Hospital di Miami.

Una lunga intervista a Brian Weiss il più grande guru della reincarnazione al mondo

A prima vista sembra un professore tutto d’un pezzo, ma quando inizia a parlare ti dimentichi di star ascoltando il controverso medico che ha abbandonato tutta la sua intera carriera per dedicarsi alla reincarnazione.

Brian Weiss sposato con Carole con cui ha 2 figli inizia così l’intervista a lui dedicata:

Ho percorso una lunga strada dal giorno in cui medico di formazione classica, professore di psichiatria e scettico incallito, mi sono reso conto che la vita umana è più meravigliosa e profonda di quanto credessi”.

reincarnazione

A parlare è un uomo con il classico aspetto da accademico contemporaneo: camicia inamidata, abbottonata quasi fino alla fine e pantaloni che si estendono in un paio di scarpe nautiche scintillanti. Tutto ciò, naturalmente, in perfetta armonia con il taglio di capelli puntiglioso e le lenti di design italiano.

Il suo messaggio, che va nella direzione opposta rispetto alla scienza è questo:

Se una persona si evolve in un modo più amorevole, più compassionevole e meno violento, vuol dire che ha preso la giusta direzione. E qui, ciò che conta non è la velocità, ma la direzione della strada scelta”.

E’ fermamente convinto che ogni volta che creiamo gruppi, stiamo potenzialmente generando violenza, per lui esiste un solo gruppo: lo spirito umano.

“Tutto è connesso. Le anime non hanno razza, religione, sesso o nazionalità; sono anime, una pura forma di energia amorevole. Dobbiamo imparare questo e insegnarlo ai bambini “, propone, basandosi su una citazione del mistico cristiano Pierre Teilhard de Chardin:

” Non siamo esseri umani che attraversano un’esperienza spirituale; siamo esseri spirituali che hanno un’esperienza umana “.

Universo

Secondo la sua esperienza, la psicologia funziona solo se il terapeuta riesce a connettersi con il paziente su un piano di vero affetto.

Ciò che guarisce“, insiste Weiss,

è la relazione, non la tecnica

E sottolinea:

“Freud potrebbe non aver considerato le sue teorie definitive, ma per i suoi discepoli sono dogmi di fede. Jung, d’altra parte, era un anticonformista che anticipava il suo tempo; capiva il misterioso, lo spirituale, l’intuitivo, ma era circondato da persone avide di dogmi”.

– Nei tuoi libri parli anche dell’intuizione, qualcosa che abbiamo quasi dimenticato di usare nella nostra vita quotidiana.

-Il massacro contro la mente inizia quando siamo molto piccoli. Siamo educati con valori familiari, sociali, culturali e religiosi che reprimono la nostra conoscenza innata. E se resistiamo a quell’attacco, siamo minacciati dalla paura, dalla colpa, dal ridicolo, dalla critica e dall’umiliazione.

I nostri genitori e insegnanti, la nostra società e cultura ci possono insegnare pericolose falsità. E spesso lo fanno. Il mondo attuale ne è una chiara dimostrazione, perché si dirige verso inciampi e colpi, imprudentemente, verso una distruzione irreversibile. Ma se lo permettiamo, i bambini possono mostrarci la via d’uscita.

Prima della nascita la nostra anima sceglie la nostra famiglia

– È vero che le donne sono più intuitive degli uomini?

-Sì, sono più aperte a tutti questi concetti: spiritualità, ispirazione … Le madri hanno sempre fatto affidamento sulla loro intuizione. Ecco perché penso che gli scienziati di oggi abbiano torto.

Se la scienza e la tecnologia, che stanno scivolando dalle nostre mani, non iniziano a svilupparsi nel contesto della nostra saggezza intuitiva, allora siamo di fronte a un pericolo. Perché, mal impiegati, possono distruggere il mondo.

– E perché pensi che sia così difficile per la comunità scientifica accettare quelle facoltà che tutti noi abbiamo dentro?

-Perché c’è una incredulità generalizzata su tutto ciò che non può essere visto o dimostrato con metodi scientifici convenzionali. E questo è sbagliato, è sbagliato. Ci hanno insegnato che tutto questo è superstizioso, o non scientifico, o inferiore. E non è così.

Abbiamo sensi oltre i cinque sensi. E uno di loro è l’intuizione. Non solo nell’arte, grandi scoperte scientifiche derivano anche intuitivamente, e non necessariamente dalla pura logica. Lo disse lo stesso Einstein. Ci deve essere un equilibrio tra il razionale e l’intuitivo. Qualcosa che nel mio caso ha richiesto anni per arrivare. Fino a quando non ho incontrato Catherine,.

Inoltre, per recuperare quell’equilibrio, non possiamo dimenticare che l’amore è la componente fondamentale della natura, che collega e unisce tutte le cose e le persone. E l’energia dell’amore è, potenzialmente, più forte di qualsiasi pompa e più sottile di qualsiasi erba. Quello che succede è che non abbiamo ancora imparato ad approfittare di quell’energia di base e pura.

– Potremmo dire, quindi, che l’intuizione e la poesia sono quasi sinonimi?

– Senza dubbio sono collegati. I greci hanno parlato delle muse. Poeti, musicisti e artisti in generale lavorano meglio quando si lasciano trasportare dalla parte destra del cervello, cioè dall’intuizione, dallo spirituale, dal non lineare; e la stessa cosa non accade sempre quando sono guidati dal cervello sinistro, dal logico, dal razionale. Abbiamo dato troppa importanza alla ragione, a tal punto che abbiamo quasi smentito la nostra intuizione, che era, appunto, il senso predominante dell’uomo.

-Dottor Brian Weiss come definiresti la reincarnazione?

-È il concetto che abbiamo un’anima immortale, che può anche essere chiamata coscienza o spirito, che lascia il nostro corpo nel momento della morte fisica e poi rinasce in una nuova creatura per continuare in quella nuova vita con le lezioni che alla fine la prendono a una piena realizzazione spirituale.

-E credi davvero che sia possibile la piena realizzazione spirituale?

-Sì. Quello che succede è che i nostri valori sono tutti confusi, disordinati. Ci preoccupiamo troppo dell’impressione che facciamo sugli altri o di quanti soldi abbiamo. E tutto ciò è un tremendo errore. Perché la felicità viene da dentro di te. Per sapere come godersi il momento presente.

Sappiamo che l’amore può guarire e che lo stress può uccidere. Ma poco facciamo per alleviare la nostra mente. Non è necessario essere ricchi per essere felici. Nel mio ufficio ho visto un’infinità di persone incredibilmente ricche, ma infelici. E la loro tristezza si dissipò quando iniziarono a coltivare i loro valori umani, a prendersi cura degli altri.

Siamo presi dalle preoccupazioni della nostra mente per il futuro, o rimpiangiamo il passato. Sebbene siamo consapevoli che né rimpianti né preoccupazioni possono cambiare il passato o migliorare il futuro. Una cosa è pianificare, organizzare, va bene. Ma non preoccuparti.

Quella sensazione è diventata un’abitudine del più negativo. Lo stesso del passato. Ci sono persone che passano il loro tempo a meditare sui propri errori, chiedendosi continuamente perché non ho fatto questo o quello.

– Non pensi che le psicoterapie possano cadere in quella costante ruminazione, che finisce per diventare negativa?

-Vedo che questo non è un problema semplice. È bello vedere il passato e riconoscerlo. Ma è anche vero che questo processo, che può essere molto doloroso, ha un limite. Quello che dico ai miei pazienti è che devono imparare dal loro passato e poi lasciarlo andare.

– Tra tanto dolore e una sensazione di solitudine, gli psicofarmaci sono presentati come la soluzione ai problemi esistenziali dell’uomo moderno.

-Ci sono molte ragioni che spiegano questo fenomeno. La propaganda e la pressione dell’industria farmaceutica sono enormi. D’altra parte, la tendenza delle università è insegnare sempre più che il trattamento passa attraverso i farmaci. Ma sappiamo che con le pillole non è abbastanza. Perché ogni depressione, ansia o qualsiasi sintomo fa parte di un quadro olistico, in cui intervengono mente, corpo e spirito.

Le pillole sono un’opzione che non deve essere contrastata con altre forme di guarigione. Ma sono inutili senza la compassione e la comprensione che la persona che sta soffrendo è un essere umano e non un sistema biochimico con bassi livelli di una certa sostanza.

E in alcuni casi, anche essere compassionevole e con un buon trattamento non è nemmeno necessario ricorrere ai farmaci. Oppure, se è prescritto, è fatto per meno tempo e con dosi più basse.

compassionevole

-Qual è la più dura critica che devi fare ai medici che praticano la medicina “tradizionale” Dottor Brian Weiss?

-Bene, di solito sono loro a criticarmi.

-Beh, ognuno è il suo turno. Ma con uno spirito costruttivo.

-La mia critica principale è che i medici devono aprire di più i loro cuori e rendersi conto che sono dei guaritori. E per questo, è necessario essere intuitivamente connessi con ciascun paziente, avere compassione e prendersi cura sinceramente di quell’altra persona.

E questo è buono non solo per il paziente, anche i dottori si sentiranno molto più soddisfatti. Il paziente non è un fegato, un cuore o una cistifellea. Vorrei ricordare ai dottori che ogni paziente è un essere umano, un’anima a cui devono rivolgersi con compassione e con cuore aperto.

Altre due domande Dottor Brian Weiss

 – Come definiresti le anime gemelle (anima gemella)?

-Per iniziare, ne abbiamo più di uno. Ed è per questo che le anime gemelle non sono per nulla un termine romantico. Sono persone con cui abbiamo vissuto in altre vite, e c’è un modo per riconoscere le loro anime che ci sembrano familiari. O nell’aspetto, o quando si toccano le mani, certe cose che ci fanno ricordare.

Un’anima compagna non significa qualcuno con cui condivideremo il resto della nostra vita. A volte, è una persona che attraversa la nostra strada forse solo per uno o due mesi, ma la sua presenza da sola ci aiuta a cambiare le nostre vite e ad evolvere. Credo che in una dimensione più ampia siamo connessi a ciascuna delle anime del pianeta, e anche oltre. Siamo tutti interconnessi.

Ma allo stesso tempo ci sono piccoli gruppi di famiglie di anime, persone che hanno vissuto insieme in diverse occasioni. Ed è quello che io chiamo anime gemelle. Questo non è l’unico luogo o pianeta in cui esistono le anime. Ci sono anche altre dimensioni dove vivono anche le anime.

– Sua moglie Carole la conosceva già da altre vite?

Sì. Anche se non l’ho mai incontrata nelle regressioni. Sì, d’altra parte, ho trovato mio figlio in una delle mie regressioni. Ma so, e anche lei, che eravamo già stati insieme. Ci siamo incontrati molto giovani. Avevo 18 anni e lei 17 anni. E’ stato istantaneo.

Nessuno di noi stava cercando una relazione seria, eravamo entrambi ancora molto giovani. Nel mio caso, e in quello di mia moglie, era qualcosa di molto speciale, di riconoscimento, il senso di familiarità, di connessione, potevamo finire le frasi che l’altro stava dicendo, abbiamo condiviso i pensieri … So che siamo l’uno per l’altro.

Condividi questo articolo