Il privilegio di saper stare bene da soli ti regala quello più pregiato, di poter scegliere con chi stare

È un privilegio potersi ritagliare qualche momento di solitudine, è una conquista riuscire a stare da soli e star bene. È allora che ci rendiamo conto di poter scegliere con chi vogliamo stare.

Dopo una giornata stressante e faticosa, come sono oramai quasi tutte le nostre giornate, non c’è niente di meglio che tornare a casa, fare una doccia e sdraiarsi sul divano per sorseggiare un tè caldo, in compagnia della solitudine.

Ma è proprio cosi?
No. Rifuggiamo quella condizione che, spesse volte, ci spaventa, perchè non riusciamo più a prenderci qualche momento di completo isolamento, staccando da tutto e tutti.

Eppure trovarsi soli, in compagnia di se stessi, è la migliore terapia contro quello stress che non è fatto solo di corse continue.

Comprende un costante vortice mentale che non ci consente di riordinare le idee, fare il punto sulle situazioni, mettere un freno alla frenesia della routine.
Molte persone hanno paura della solitudine e la considerano un nemico in grado di abbatterle o farle sprofondare nei meandri dei peggiori pensieri.

Ma non dobbiamo confondere la solitudine come stile di vita, come incapacità a socializzare, con l’isolamento, che significa capacità di prendere qualche distanza dai ritmi della vita.

Per Victor Cherbuliez, accademico e romanziere, la solitudine è un elemento essenziale di benessere, un piacere che si assapora da bravi buongustai.

Anche Jim Morrison la corteggiava, quando affermava: “La solitudine è come ascoltare la musica del vento”.
È realmente un piacere, a pensarci bene, trovare il tempo di vivere momenti in compagnia delle proprie emozioni, e per arrivare a questo non c’è bisogno di chissà cosa.

Basta una passeggiata in mezzo alla natura, o l’ascolto di un brano musicale a cui siamo particolarmente affezionati. E si scopriranno benefici incredibili!
Vediamo insieme:

1- Si svuota la testa dai continui pensieri

Durante il giorno, il nostro cervello è costantemente sollecitato. La pressione del lavoro e della vita sociale, la ricezione di varie informazioni dai media e qualsiasi altro mezzo di comunicazione, mettono il nostro cervello in tumulto.
Farlo rilassare consente di ritrovare quella efficienza e quella lucidità altrimenti impossibili da recuperare.

2- Si recupera creatività

Quando siamo travolti dallo stress non riusciamo più ad avere quei guizzi improvvisi, quella creatività capace anche di farci trovare soluzioni ai problemi ed alle situazioni più difficili.

3- Si recupera fiducia in se stessi

Quando ci troviamo soli abbiamo il tempo di ascoltare la nostra voce interiore che ci permette di fare analisi, ponderare e approfondire senza alcuna influenza esterna.
E questo è fondamentale per la nostra auto-stima e per compiere scelte in autonomia.

4- Si vedono le cose in maniera diversa

Ridurre pressioni, stimoli continui, ci aiuta a vedere con maggiore chiarezza le tante sfaccettature della realtà e della vita.
E si possono così osservare dettagli spesso nemmeno considerati nella fretta quotidiana.

5- Si riducono stress ed ansie

L’ansia è la fedele compagna dello stress. Quella condizione che ci attanaglia proprio quando non si riesce più a controllare una situazione e ci fa precipitare nella confusione più totale.

6- Si rafforzano i legami importanti

Stare soli ci aiuta anche a definire l’importanza delle nostre relazioni, e ci porta ad allentare quei rapporti, spesso nocivi, che non solo non aiutano ma ci allontanano anche dai nostri affetti più sentiti.

Condividi questo articolo