L’amicizia raddoppia le gioie e divide i dispiaceri a metà. Perché un amico può salvarti una serata e pure la vita

L’amicizia è un elemento fondamentale per la nostra salute fisica e psicologica.
È dimostrato che l’isolamento ha una grande incidenza sul nostro benessere e la nostra longevità.

Ci sono studi che sostengono che la mancanza di supporto psicologico, può equiparare i suoi effetti nocivi sulla salute a quelli provocati dal fumo, dall’ipertensione, dal colesterolo alto, dall’obesità o dalla mancanza di esercizio fisico.

In questo senso possiamo affermare che i legami che creiamo con gli altri raddoppiano il nostro benessere e dividono l’angoscia a metà.

Creare relazioni emotive profonde ci rafforza, non c’è dubbio.
Certo non è facile raggiungere una soddisfacente vicinanza psicologica con le persone che ci circondano, perché le delusioni spesso ci fanno preferire la solitudine.

Tuttavia, finché questa solitudine non diventa isolamento, la nostra salute non rischia di essere danneggiata.
L’ amicizia e la formazione di legami affettivi

Essere circondati da persone che ci amano ci rende psicologicamente forti e previene le difficoltà emotive derivanti da diverse situazioni come un divorzio, un ostacolo economico o una malattia.
Cioè, avere amici ci aiuta a condividere lo stress, ad alleggerirne il peso.

È meraviglioso avere un confidente, una persona che può offrire aiuto, consiglio o una spalla su cui piangere.
La semplice presenza di persone care nella nostra vita diminuisce l’impatto delle difficoltà che tutti noi dobbiamo inevitabilmente affrontare.

Quindi la qualità e la frequenza delle nostre relazioni di amicizia, sembrano essere la chiave per ridurre il disagio e l’angoscia che a volte ci attanagliano.

Lo psicologo e ricercatore James Pennebaker ha dimostrato attraverso uno studio, che parlare dei problemi che più ci tormentano, ha un effetto benefico sul nostro corpo e sulla nostra psiche.
Quindi parlare con i nostri amici favorisce la nostra salute, non solo l’umore e la serenità .

‌Rafforzare le nostre capacità emotive
Quando parliamo di capacità emotive, ci riferiamo alla nostra capacità di riconoscere, canalizzare e controllare i sentimenti quali l’empatia, la compassione, e tutti quei sentimenti che regolano rapporti sociali.

Quindi non sorprende che avere buoni amici accanto rafforza le nostre capacità emotive.
Questo, a sua volta, ci consente di avere una migliore apertura verso gli altri e spinge le persone ad avvicinarsi.
Tutto ciò porta a creare relazioni sociali più profonde e significative.

Ci porta a percepire una sorta di cordone emotivo di sicurezza che ci protegge e che non può essere paragonata a nessun altro.
Sentirsi amati non solo è incoraggiante, ma rinforza e rivitalizza.

Sapere che gli amici vogliono vederci, parlare con noi, che sono interessati al nostro stato emotivo, ci salva dall’abisso in innumerevoli occasioni.

Ecco perché possiamo essere sicuri che quelle persone che amiamo così tanto sono una parte molto importante della nostra vita .

A questo proposito vogliamo riportarvi un passaggio del romanzo “The Palace of the Moon” di Paul Auster, che riflette magnificamente ciò di cui abbiamo appena discusso.

“A quel tempo non lo sapevo, certo, ma sapendo quello che so adesso, non posso ignorare quei giorni senza provare un’ondata di nostalgia per i miei amici.

In un certo senso, ciò altera la realtà di ciò che ho vissuto.
Ero saltato dal bordo della scogliera e proprio mentre stavo per toccare il fondo, si è verificato un evento straordinario: ho realizzato che c’erano persone che mi amavano. E sentirsi amati in quel modo cambia tutto.

L’amicizia non diminuisce il dolore di una caduta, ma ti dà una nuova prospettiva di ciò che significa che il terrore.

Ero saltato dal bordo e poi, all’ultimo momento, qualcosa mi aveva colto in aria.
Quel qualcosa è ciò che definisco amore.

È l’unica cosa che può fermare la caduta di un uomo, l’unica cosa potente per invalidare le leggi di gravità.”
Non dimenticate: un sorriso, una conversazione o una parola di incoraggiamento, sono veri e propri salvavita che ci tengono al sicuro quando cadiamo in preda alla paura o al disagio.

Fonte immagine anteprima: Gorjuss Illustration

Close
Close