Non mi arrendo facilmente. Ma una volta che vado via, mi perdi per sempre

Sono quel tipo di persona che si affeziona facilmente agli altri.
Mi piace pensare di avere un cuore morbido.

Mi piace pensare di essere un sostenitore dell’amore, un guerriero della passione.
Mi piace credere che io sia quel tipo di persona che farebbe davvero di tutto combattere e per mantenere vivo questo amore. E lo sono davvero.

Sono quel tipo di persona che non dà mai l’amore per scontato.
Ed è proprio per questo che ho davvero problemi con le rotture.

Non mi piace avere la sensazione “di dover rompere” con qualcuno.
Non amo dover tagliare le persone fuori dalla mia vita.

Non amo dover distaccarmi da quelle persone con cui ho condiviso momenti “intimi”.
È per questo che tendo a guardare le situazioni da diversi punti di vista.

Faccio sempre del mio meglio per considerare ogni minimo dettaglio, prima di arrivare a prendere una decisione.
Cerco sempre di capire quale ragionamento ci sia dietro le azioni, le scelte e le convinzioni altrui.
Mi piace andare in fondo alle cose.

Mi piace sempre dare alla gente il beneficio del dubbio, perché so quanto possa essere complessa la vita umana e la storia delle persone.
Mi piace sempre dare delle occasioni.

Mi piace avere pazienza.
Mi piace essere tollerante, soprattutto con le persone che amo.
Amo dare seconde possibilità.

Anche terze, quarte, quinte o seste.
Forse è anche per questo che finisco per farmi molto male, a volte.
Non sono una persona che si arrende facilmente.

Non sono davvero quel tipo di persona che si allontana, quando le cose iniziano a diventare difficili o scomode.
Combatto sempre per le persone più importanti della mia vita.
Lavoro sempre duramente per le relazioni che vivo.

Quando qualcosa in una relazione sta per rompersi, combatto affinché questa possa tornare a funzionare.
Combatto sempre per le mie relazioni, perché so che l’amore non è qualcosa che va sprecato.
Cerco sempre di fare del mio meglio per far funzionare una relazione, a patto che anche dall’altra parte ci sia la stessa voglia.

Ma una cosa è certa: se giungo alla conclusione di dover tagliare qualcuno fuori dalla mia vita, è perché sicuramente ha fatto qualcosa di incredibilmente imperdonabile.
Perché mi ha ferito al punto che non sono riuscito a recuperare.

Faccio sempre tutto il possibile per sistemare le cose.
Cerco sempre di trovare una soluzione ai problemi.
Ho sempre la volontà di salvare il salvabile.

Anche a costo di compromettere i miei desideri e bisogni, pur di salvare un rapporto di coppia.
Ma quando decido di andare via, lo faccio sul serio.
Me ne vado per non tornare mai più.

Vado avanti con uno scopo.
Vado avanti con convinzione.
Anche se per questa persona ho combattuto tanto.

Ma una volta che metto fine ad un rapporto, è così e non torno sui miei passi.
E’ vero, ho un grande cuore con un’anima gentile.
Ma conosco anche il mio valore.

Conosco i miei limiti.
E non posso permettermi di perdere me stesso, per qualcuno che non ha nemmeno mostrato la volontà di combattere per me.

Quindi per favore, quando qualcosa finisce, non rendete questo processo ancora più difficile di quanto non lo sia già.

Non cercate di far sentire colpevole l’altra persona.
A volte purtroppo non c’è altra scelta.

Siamo costretti a dover allontanarci dalle persone che amiamo, perché semplicemente non ci hanno dato un valido motivo per cui valesse la pena restare.

Quindi se volete combattere per qualcuno, fatelo, ma fatelo quando è tempo di farlo.
Poiché alcune persone, proprio come me, quando vanno via, lo fanno per sempre.

Close
Close