Ci sono Angeli vestiti da esseri umani che incontriamo ogni giorno sulla nostra strada

Come degli Angeli. È così che dovremmo imparare a vedere le persone che ci amano e ci fanno del bene, persone il cui comportamento non è dettato da interesse, ma solamente dal bisogno e dal piacere di condividere.

Sappiamo bene, purtroppo, che è sempre più raro trovare persone che si rallegrano della felicità degli altri, poiché la maggior parte di coloro che passano attraverso le nostre vite, non desiderano il successo, o la buona sorte.

Confidano, senza ragioni molte volte, che le stesse difficoltà, problemi, angosce che sentono nelle loro giornate siano le stesse che tormentano anche coloro cui dicono di voler bene.

Fortunatamente proprio come ci sono persone povere, ci sono persone ricche di luce.
Creature umane che hanno il potere di illuminare qualsiasi ambiente oscuro, baciare le nostre anime attraverso un semplice abbraccio, cambiare le nostre giornate attraverso un semplice incontro ed un breve scambio di parole.

“Se emaniamo sentimenti positivi, essi ci verranno incontro.”

Quello che seminiamo, raccogliamo.
Se emaniamo positività, cose positive ci verranno incontro.
Se emaniamo il contrario, permetteremo che cose negative entrino nelle nostre vite.

È un qualcosa che constatiamo sempre di più. Come il nostro atteggiamento sia una sorta di specchio capace di riflettere poi, comportamenti e atteggiamenti da parte del prossimo.
Questa reciprocità invisibile, quasi impercettibile, non deve indurci in un tranello però.

Farci pensare e misurare sempre e solo con il metro del tornaconto, perchè in questo modo rischiamo di perdere spontaneità e di annullare la gratuità di un bel gesto o una buona azione.
Essere aperti, solari, produce benessere per se stessi e, di conseguenza, per gli altri.

“La vita diventa molto più bella è autentica quando dimentichiamo per un momento le amicizie virtuali e godiamo della compagnia che può toccare il corpo, l’anima e il cuore.”

Oggi gran parte della nostra vita, anche fuori dagli ambiti del lavoro, si svolge attraverso l’utilizzo dei cellulari, in uno spazio virtuale che ha assunto ed assume sempre di più i contorni della realtà.

Attraverso tutto ciò si creano non solo relazioni più labili e superficiali, ma soprattutto si perde il calore di un contatto, di una stretta di mano, di un abbraccio.

È cosi bello e così pieno di ricchezza il poter dimenticare tutta questa rete di suoni e di messaggi e passare del tempo con persone che rappresentano la base della nostra vita.

Soprattutto quegli istanti apparentemente banali, fatti di piccoli gesti, risate, confidenze sincere, ci mostrano come sia possibile incontrare loro:
gli Angeli senza ali.