Donne, studiate! È liberatorio non dipendere da un uomo

Care donne, studiate! Imparate, perché è liberatorio non dipendere da un uomo.

“A quel tempo lavoravo nel servizio di sanità pubblica. Aveva 18 anni quella ragazza e arrivò alla consultazione endocrinologica perché non riusciva a rimanere incinta.

Non ci volle molta anamnesi per scoprire la causa della sua infertilità, così feci facilmente la diagnosi.

Tuttavia, quella che avrebbe dovuto essere una consultazione di routine mi sembrò una grande sfida:
avevo bisogno di capire perché quella ragazza volesse avere un figlio a tutti i costi.

Mi raccontò la sua (triste) storia – ho messo l’aggettivo tra parentesi perché, come lei la narrò come se si trattasse della cosa più normale del mondo, mentre a me sembrava di ricevere un pugno nello stomaco.

“Dottoressa, sono andata via di casa all’età di 13 anni. Fuggita. Il mio patrigno abusava di me e mia sorella minore. Mia madre sapeva.

Così sono andato a vivere con una zia. Ma mia zia non si preoccupava molto di me. All’età di 15 anni, ho incontrato il mio ragazzo e lui mi ha proposto di convivere. Siamo insieme da 3 anni e vuole avere un figlio “.

Potevo ignorare la sua storia, darle il risultato degli esami, il mio consiglio medico e concludere l’appuntamento.

Ma non potevo. Il ricordo di mio nonno che mi diceva “Studia per sapere”era una campana nella mia testa: dovevo mostrare a quella ragazza che aveva molto altro da vivere prima di una maternità.

In modo sereno e cercando di mostrarle un’altra realtà, le suggerii di aspettare un po’ per rimanere incinta.

Le dissi che avrebbe potuto seguire un corso tecnico o persino un college. Le feci degli esempi che conoscevo: giovani che lavoravano di giorno e studiavano di notte per mantenersi agli studi.

Per darle un’ulteriore spinta, le dissi che avrebbe potuto studiare insieme al suo compagno per avere un futuro migliore, più stabile e più tardi diventare una famiglia.

“Oh, dottoressa, non vuole che lavori. Si prende cura di me. Il mio sogno è realizzare il suo sogno di essere un padre. ”

Mi arresi. Come avrei potuto convincere qualcuno che viveva in una realtà così diversa dalla mia?

Sono cresciuta costruendo la mia indipendenza giorno per giorno, ma non mi è mai mancato il sostegno emotivo e finanziario. Non ho mai avuto fame e non ho nemmeno dovuto lavorare per pagare i miei studi.

Parlare con quella ragazza mi turbò. Quando se andò, ricordai le tante altre donne che mi avevano confidato le loro relazioni infelici.

Alcune segrete con uomini sposati, ma che non lasciavano perché dipendevano finanziariamente da loro.

D’altra parte, l’indipendenza di una donna non è sempre una questione di soldi.

Per molte, ciò che le trattiene è la dipendenza emotiva: la paura di essere di nuovo sole; la paura di essere divorziate; i bambini; la vergogna di affrontare un matrimonio fallito.

Ho un’amica il cui marito decideva persino il colore degli abiti e delle scarpe: era una donna beige.

Non ho mai dimenticato quello che mi disse, sorridendo felice, dopo aver divorziato: “Ho comprato un paio di scarpe rosse!”.

Andai infine in un negozio di abbigliamento quel giorno. Mentre ero intenta a scegliere un vestito, notai una donna lasciare lo spogliatoio e dire:
“Amore mi piace molto questa maglietta!” Si rivolgeva a suo marito che era seduto su una poltrona.

Ma a lui non piaceva e improvvisamente quella donna mi sembrò una bambina alla quale stavano negando le caramelle.

Lasciai il negozio sollevata, con il vestito che avevo scelto. Pensai al mio compagno, un uomo meraviglioso.

È meraviglioso amare qualcuno che rispetta la nostra indipendenza, che non la tema, che la sostenga.”

Fonte: Rebeca Bedone