Come sarà il mondo quando non ci saremo più? L’affascinante teoria di un Nativo Americano

Vi siete mai chiesti come sarà il mondo quando ce ne andremo via?
È interessante conoscere il racconto di un Nativo Americano al riguardo.

Potremmo iniziare questo articolo con la frase ” Allacciate le cinture di sicurezza”, per l’argomento che tratta e per come lo tratta, quello cioè del mondo dopo la morte.

C’è chi penserà siano tutte sciocchezze chi, invece, potrà rimanere affascinato.

Una precisazione doverosa: è tratto dalle pubblicazioni di Maurice Barbanell.

Chi era costui – direte voi.

Barbanell era un giornalista e scrittore ma, soprattutto, un grande medium, una persona cioè in grado di parlare con gli Spiriti.

Di padre ateo, mamma ebrea religiosa, Barbanell visse a lungo in una sorta di limbo per quello che riguarda l’aspetto religioso, prima dell’incontro con Silver Birch, Betulla d’argento lo Spirito Guida di un Nativo americano.

“Dovevo venire con l’aspetto di un umile indiano per guadagnare il vostro amore e devozione, non grazie all’uso di alcun nome altisonante, e per mostrare le mie capacità attraverso la verità di quello che ho insegnato. Questa è la Legge.”

Così parte l’introduzione che Barbanell ha dedicato agli incontri con lo Spirito Guida, nel suo famoso testo “Gli insegnamenti di Silver Birch”.

Di cosa ci parla Silver Birch?
Di tutto, della vita, del senso della vita, della morte e di quello che accade al momento del trapasso.

Silver Birch rivela, come anche altri prima di lui, una conoscenza vera di Dio che non ha bisogno di intermediari come le chiese e la teologia.

Dopo la morte – dice lo Spirito Guida – saremo quasi uguali al giorno prima, con un piccolo particolare. Avremo gettato il corpo fisico, e ci potremo esprimere, e vivere, attraverso il corpo eterico, quello che compone l’energia e l’essenza di ciò che siamo stati anche qui, sulla terra.

Aspetto importante:
avremo finalmente lasciato imperfezioni, malattie, e quindi i sordi sentiranno e coloro che avevano problemi alla vista vedranno senza problemi.

Quello che appare affascinante è che quello che si è soliti pensare, come ambiente dopo la vita, sia una sorta di qualcosa di vago e non simile al mondo fisico conosciuto.

Niente di più sbagliato, occorre cancellare l’idea che dopo la morte vi sia una sorta di ” sonno perenne”, e che l’immagine che serbiamo della persona trapassata sia quella che l’accompagnerà per l’eternità.

Addirittura chi ha gustato prelibatezze e assaggiato buoni vini potrà ancora soddisfare questo desiderio, seppur in altra forma rispetto a quando si era in questa vita.

Non esistono differenze linguistiche, perchè ogni individuo comunica con il proprio pensiero, telepaticamente.

Interessante quello che lo Spirito Guida afferma sulle affinità e sul ricongiungimento tra persone care.

Si basano su quella che viene chiamata ” Legge Eterna di Attrazione”, ed è qualcosa che ognuno porta con sè.

Non parliamo del taglio dei capelli, quanto del sentimento espresso e ricambiato.

Quindi chi è stato unito da un vincolo giuridico o da un legame, anche di parentela casuale, non potrà essere affine a coloro che hanno sentito qualcosa di grande, che hanno amato.

Che hanno tenuto dentro di sè un sentimento nobile e puro, anche se hanno abitato case diverse, quelle che ritroveremo nell’altra dimensione e che vengono definite ” dimore”.

Ogni persona perfezionerà se stessa, anche sotto l’aspetto che possiamo definire lavoro.

Non un qualcosa di ripetitivo da fare per guadagnarsi il pane quotidiano, ma la ricerca e lo sforzo per riuscire a creare qualcosa che rimanga per sempre.

Tutto sarà rapportato al livello di conoscenza e di familiarità che si è avuto in vita con il mondo della conoscenza spirituale.

Questa non si impara leggendo un libro o andando a ripetizione, che sia la Messa o qualche altra funzione religiosa, ma seguendo e ascoltando la propria coscienza.

È per questo che il passaggio non è uguale per tutti, o non avviene nello stesso modo per chiunque.

Silver Birch ci parla di una sorta di acclimatamento, di adattamento alla nuova condizione. Non c’è una ” porta del Paradiso ” o zone di fuoco e zolfo per designare l’inferno.

Ognuno graviterà, per un certo periodo, nella sfera spirituale a cui è adatto, secondo quanto vissuto sulla terra.

Non ci saranno finzioni o sotterfugi, ognuno ricoprirà lo spazio che ha saputo e voluto ritagliarsi con le proprie azioni ed il proprio stile di vita.

Chi potrà risiedere in una sfera superiore potrà visitare le sfere inferiori, cosa che non sarà concessa a chi è destinato alle zone più basse.

Esiste il concetto di ” redenzione”, diverso da quello che spesso ci viene insegnato.

È qualcosa di paragonabile al ritorno più che al ” pentimento” inteso come percezione di come si sia vissuta la propria vita.

Esiste infatti, secondo molte culture e tradizioni, la via della reincarnazione o della possibilità di compiere il proprio compito per una seconda o terza volta.

Di questo Silver Birch non fa menzione, almeno per il momento!

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close