I tuoi sentimenti hanno messaggi per te (quindi smettila di ignorarli)

“Ma i sentimenti non possono essere ignorati, non importa quanto ingiusti o ingrati possano sembrare.”
– Anna Frank –

Come persona sensibile, ho una relazione complicata con i miei sentimenti.

Sono i sensori che estendo al mondo, per attirarlo.
Sono le guide che mi aiutano a decidere cosa funziona o non funziona per me.

Ma ci sono anche momenti in cui i miei sentimenti aumentano con tale forza che rimango senza fiato.

Inoltre, sono dell’idea che non sentirsi così tanto avrebbe sicuramente reso le cose più facili.

Eppure, non sento tutti i miei sentimenti. Alcune parti della mia vita emotiva sembrano intorpidite. Per molto tempo, come molte persone, esprimere la rabbia è stato estremamente difficile per me.

Siamo tutti così, se pensiamo a noi stessi come sensibili, emotivi o logici e razionali. Le nostre vite emotive sono un mosaico di convinzioni che abbiamo interiorizzato e cose che abbiamo visto modellate.

Non ci è mai stato insegnato come relazionarci con le nostre emozioni, e così, dobbiamo percorrere la nostra strada attraversandole.

Ecco alcune cose che ho imparato e che potrebbero aiutarti:

Non esiste un’emozione negativa

Siamo addestrati a pensare alle emozioni come positive e negative. Ma in verità, ogni emozione serve ad una funzione importante.

Cosa saremmo senza rabbia per proteggere i nostri confini?
Dove saremmo senza la paura che ci dice che qualcosa non va?
Come possiamo lasciare andare le cose se non ci permettiamo mai di sentirci tristi?

Confondiamo un’espressione negativa o distruttiva di un sentimento con il sentimento stesso.

Sì, le espressioni malsane possono essere dannose. Ma se bandiamo alcuni sentimenti e non permettiamo loro di attraversarci, restiamo bloccati in posti a cui appartenevamo molto tempo fa.

Queste non sono più la nostra realtà, ma continuiamo a vivere come se lo fossero.

Rinunciare alla convinzione che certe emozioni siano a posto e certe emozioni non siano adatte, è il primo passo per aiutarci a elaborare le nostre emozioni.

Ma molti di noi non sanno nemmeno cosa stiamo provando.
Come possiamo canalizzare qualcosa che non possiamo nemmeno nominare?

Espandere il nostro vocabolario emotivo può dirci dove siamo nella nostra vita emotiva.

Pensa a cosa è successo quando hai iniziato a imparare nuove parole. Hai avuto accesso a un intero nuovo universo. Hai avuto un modo di nominare la tua esperienza più dettagliatamente.

Gli psicologi cognitivi hanno scoperto che un vocabolario più preciso, aiuta a rendere le persone più rapide nell’individuare sottili differenze.

In modo simile, se possiamo dare un nome preciso alle nostre emozioni, possiamo identificare sottili sfumature e affinare ciò che sentiamo esattamente.

Questo può aiutarci a compiere l’azione emotiva più efficace.

Karla McLaren, l’autrice del meraviglioso The Language of Emotions, parla eloquentemente delle diverse forme in cui una singola emozione può apparire.

Sapevi che l’indifferenza può essere una forma di rabbia? Quindi può essere fredda, piena di risentimento e impazienza.

Nel suo stato d’animo, la rabbia può apparire come sarcasmo e arroganza. E, naturalmente, conosciamo la rabbia quando esplode in rabbia .

Ma anche l’amarezza è una forma intensa di rabbia, anche se una forma indurita e calcificata.

Vedere che la rabbia si manifesta in diversi gradi e forme, può aiutarci ad arrivare direttamente al cuore del problema.

La McLaren ci dice che le domande che la rabbia pone sono:
cosa deve essere protetto? Cosa deve essere ripristinato?

Se ci sentiamo risentiti o freddi, abbiamo dato via troppo a noi stessi? Cosa possiamo fare per far rispettare i limiti che ci faranno sentire protetti?

Sfogare e reprimere i sentimenti non sono le uniche scelte che abbiamo.

Ma quale azione dovremmo intraprendere? Non è la parte più difficile nel trattare con i sentimenti?

Uno dei motivi per cui non mi sono permessa di provare rabbia nella mia situazione lavorativa era perché non ero sicura di cosa avrei potuto fare. Esprimerla era pericoloso, perché avevo accumulato tante emozioni. Reprimerla sembrava l’unica altra cosa da fare.

Molti di noi rimangono bloccati in questo difficile spazio.

Una delle tecniche che sto utilizzando per lavorare con i miei sentimenti, è quella di sperimentare prima personalmente il sentimento.

Un modo per liberarsi in modo sicuro dalla rabbia, ad esempio, è battere i cuscini per una decina di minuti. Ciò riduce l’intensità dell’emozione crescente.

Un’altra tecnica che la McLaren suggerisce è chiamata “lamentarsi coscientemente”.
Ti siedi tutto da solo e ti lamenti ad alta voce di tutte le cose che stanno andando male nella tua vita. Di nuovo, stiamo tentando di utilizzare parte dell’energia del sentimento e spostarlo dai nostri sistemi.

Ricorda che le emozioni, per la loro stessa definizione, sono energie che ci spingono a intraprendere un’azione. Quindi, un rilascio fisico è importante.

Qualcosa che aumenta e dobbiamo lasciar muovere. Ora stiamo semplicemente scegliendo quel movimento consapevolmente.

Una volta che abbiamo liberato parte dell’energia dell’emozione, possiamo quindi pensare a quali azioni possiamo intraprendere per affrontare il problema che ha sollevato. Ad esempio, se siamo arrabbiati, come possiamo ripristinare il confine?

Ciò di cui abbiamo bisogno è la chiarezza e il coraggio per far rispettare questo limite e affrontare l’ansia che spesso deriva dal “dondolio della barca”.

Questo processo emotivo è stato per me una curva di apprendimento. Non è facile e spesso vacilla. Ma ogni volta che posso provare i miei sentimenti e attraversarli, provo un senso di calma.

Immagino sia perché non sto invalidando le mie esperienze. Le possiedo, lasciando che dicano la loro verità.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.