Gli psicologi spiegano come mantenere la calma durante un conflitto. I 6 suggerimenti per controllare le nostre emozioni e le nostre reazioni

“I conflitti devastano il nostro cervello.

Siamo preparati dall’evoluzione per proteggerci ogni volta che sentiamo una minaccia.

Nel nostro mondo, non combattiamo come un tasso con un coyote, né scappiamo come un coniglio da una volpe.

Ma la nostra spinta fondamentale per proteggerci è automatica e inconscia. ”
(Diane Musho-Hamilton)

L’intelligenza emotiva è definita come “la capacità di identificare e gestire le proprie emozioni e le emozioni degli altri.

Un basso livello di intelligenza emotiva di solito porta all’incapacità di rimanere calmi, con conseguente maggiore conflitto, mentre un alto livello, porta a minori conflitti e alla capacità di rimanere calmi sotto pressione.

Il conflitto è una parte inevitabile della vita. Anche la persona più fredda, silenziosa, sperimenta un certo grado di turbolenza interpersonale ad un certo punto.

Nella maggior parte dei casi, le persone non hanno il controllo su ciò che accade dopo.

L’unico aspetto di un conflitto che possiamo controllare è la nostra reazione. Tuttavia, questo non significa che l’inversione di questo processo “automatico e inconscio” sia facile perché non lo è.

Ma possiamo imparare a identificare, riconoscere e gestire le nostre emozioni negative.

Possiamo, in una certa misura, sostituire questa risposta fisiologica innata.

Possiamo imparare a rimanere calmi durante qualsiasi conflitto, anche nel bel mezzo di una discussione.

Di seguito vi proponiamo 6 suggerimenti per controllare la nostra reazione durante un conflitto:

1- Respirare profondamente

Perché: la capacità di rimanere rilassati e concentrati durante un conflitto, dipende dalla nostra capacità di calmare il corpo. La respirazione superficiale è la risposta innata del corpo di fronte allo stress.
Sopprimere questa risposta naturale e praticare la consapevolezza, aiuta il corpo a rimanere calmo.

Come: Inalare profondamente attraverso il naso prima di espirare lentamente attraverso la bocca. I respiri lisci e profondi bloccano la produzione di due ormoni dello stress: adrenalina e cortisolo.

2- Concentrarsi sul proprio corpo

Perché: Concentrarsi su qualsiasi sensazione fisica che si manifesti in un conflitto, ci consente di cambiarla mentalmente. Quando l’attenzione si sposta sul corpo, possiamo sentire la tensione, la respirazione superficiale e altri effetti che accompagnano lo stress.

Come: quando notiamo che il nostro corpo inizia a irrigidirsi, riportiamo la postura a uno stato neutro, rilassando le spalle e le mani. Questa posizione aperta comunica positività usando il linguaggio del corpo e spesso dissolve i conflitti.

3- Ascoltare attivamente

Perché: una persona avvierà una lotta, o qualche altro tipo di conflitto, se sente di non essere ascoltato. Inoltre, è impossibile dissolvere un conflitto senza un ascolto attento e attivo.

Come: quando qualcuno parla, focalizziamo la nostra attenzione su ciò che dice. Ignoriamo qualsiasi idea di formulare una risposta. Una volta che la persona avrà finito di parlare, avremo le informazioni necessarie per rispondere in modo intelligente.

4- Fare domande aperte

Perché: le domande a risposta aperta hanno un valore inestimabile nella risoluzione dei conflitti. In primo luogo, dimostrano che stiamo ascoltando attentamente. Secondo, questo tipo di domanda mostra rispetto per la persona, permettendogli di articolare i suoi pensieri.

Come: Imparare a porre domande a risposta aperta può essere un po’ complicato per alcune persone. Il modo più semplice per evitare domande chiuse è non usare le parole “Non fare”, “Non dire”, quando facciamo una domanda. Invece, usiamo le parole “Cosa”, “Perché”, “Quando” e “Come”.

5- Mantenere calmo il tono di voce

Perché: il modo più semplice per surriscaldare un conflitto, è alzare la voce. D’altra parte, uno dei modi più semplici per sedare il conflitto è abbassare il tono voce.

Il livello della voce è collegato alla pressione sanguigna. Quando raggiunge un certo livello, diventa più difficile capire cosa viene comunicato.

Come: il primo passo è quello di dissolvere la rabbia iniziale dell’altro. Non possiamo farlo alzando la voce. D’altra parte possiamo trasmettere rapidamente un senso di calma prendendo la decisione consapevole di parlare più in tono basso.

6- Abbandonare la discussione

Perché: non tutti i conflitti produrranno risultati amichevoli o reciprocamente accettabili. Tuttavia, possiamo evitare di approfondire il conflitto scollegandoci cortesemente dalla conversazione.

Come: una legge di conflitto interpersonale è che ci vogliono due partecipanti. Allontanarsi da un conflitto è appropriato in due circostanze:
1) la persona diventa sempre più ostile,
2) la conversazione, nonostante i nostri sforzi, non sta andando da nessuna parte.

Seguendo uno o più suggerimenti, riusciremo a gestire meglio ogni conflitto.
Di conseguenza, useremo le nostre emozioni e l’autocontrollo a nostro vantaggio!

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close
Close