Il Piccolo Principe: bisogna cercare con il cuore …

Viviamo nel modo giusto?

Apprezziamo ciò che è importante?

O stiamo solo facendo di noi dei personaggi?

Siamo ancora uomini?

O ci stiamo trasformando in funghi?

Di cosa abbiamo realmente il controllo nella nostra vita? A volte mi pongo queste domande ed arrivo alla conclusione che abbiamo sotto controllo pochissime cose.

La vita è davvero fragile, è la fiamma di una candela, come direbbe Shakespeare.

Oltre ad essere fragile è fugace, passa veloce e, contemporaneamente, dentro un mondo di estrema fluidità, il sentimento che ho è che la vita passi senza che io possa sentirla.

Dobbiamo fare mille cose in una giornata, non possiamo farne cinque di qualità. Pieni di obblighi e senza tempo per nulla, i giorni passano e la fiamma che ci tiene in vita diventa sempre più debole.

Non si torna indietro e, peggio, nulla rimane nella memoria, perché non spendiamo il nostro tempo nel modo giusto.

L’obbligo di avere successo nella vita non ci permette di fermarci, anche se non sappiamo esattamente dove stiamo andando.

Questo modo di comportarsi si intensifica con la vita in una società capitalista, in cui l’obbligo di riuscire, si riduce guadagnando soldi.

Viviamo sotto il giogo delle alte prestazioni e della domanda di un mondo sempre più dinamico.

Ciò che mi preoccupa è il modo in cui ci siamo già adattati a vivere in questo modo, senza mettere in discussione se questo è il modo migliore per farlo.

Come detto prima, la vita è breve e proprio perché è breve, dovrebbe essere usata in ciò che conta davvero.

Un giorno ci sveglieremo, gli anni saranno passati e ci mancherà l’opportunità di lasciare il nostro segno nel mondo, di abbracciare, di guadagnare un sorriso, di essere importanti per qualcuno e rendere qualcuno importante.

Dobbiamo produrre, dobbiamo correre, dobbiamo “avere” cose da mostrare, come se gli oggetti definissero le persone.
Ma se così fosse, sarebbero definizioni molto superficiali.

In questa incessante ricerca di innumerevoli cose, ci sono persone che vivono in luoghi dove non vorrebbero essere, svolgono lavori che non portano nessuna felicità, sono immersi nelle relazioni dai contenuti vuoti e cercano di convincersi che questa è una vita felice.

Lo accettiamo, per paura, pigrizia o insicurezza, invece dovremmo vivere una vita che sia veramente all’altezza della nostra esistenza e di ciò che siamo.

Crediamo in questo modo di prendere tutto sul serio, che stiamo facendo “cose ​​serie”.

Quanto è sciocca la saggezza degli adulti a volte…
Non sanno che le sabbie della clessidra raggiungono l’altro lato e tutte le vite saranno state vissute come le altre, senza differenze, senza essenza, senza nulla che possa renderle importanti.

Così tante persone passano, vanno e vengono senza lasciare traccia.
Non ci ricorderemo di loro e loro non si ricorderanno di noi.

Potremmo invece affrontare un minor numero di cose, rimanere più a lungo con ciò che rende il cuore più morbido, piangere quando se ne sente il desiderio, sorridere per rafforzare l’anima.

Ma non abbiamo il tempo per queste cose. Nel mondo degli adulti c’è solo il tempo per le cose serie, per fare i conti, per il razionale.

Quindi nel tempo dimentichiamo chi siamo e diventiamo macchine o qualsiasi altra cosa.

Troppo occupati per sentirci, per le emozioni.
E ne siamo orgogliosi, perché siamo uomini “seri”.

“Conosco un pianeta in cui c’è un ragazzo rosso, quasi viola. Non ha mai sentito il profumo di un fiore. Mai guardato una stella. Non ha mai amato nessuno. Non ha mai fatto altro che somme. E tutto il giorno si ripete come te: “Sono un uomo serio! Sono un uomo serio! “E questo lo rende gonfio di orgoglio. Ma non è un uomo. È un fungo! ”

La saggezza del Piccolo Principe è diversa dalla nostra.
Ciechi nella nostra ragione, siamo gonfi d’orgoglio per una vita che separiamo dagli altri e da noi stessi.

Crediamo che la felicità sia nella grandiosità o nella quantità. Conserviamo cose che, dopo tutto, non riempiono i vuoti. Cerchiamo di far crescere migliaia di persone, ma non abbiamo il tempo di prenderci cura di loro, quindi non raccogliamo nulla.

Shakespeare disse che la vita è la fiamma di una candela;
Quintana che la vita è breve;
Niemeyer che la vita è un respiro.
Io dico che la vita vale la pena di essere vissuta quando con le piccole cose si ottiene un sorriso.

Penso che la vita dell’uomo contemporaneo non sia adatta a quello che sono, ma le persone fantastiche sono molto strane:

“Gli uomini del vostro pianeta – disse il Piccolo Principe – coltivano cinquemila rose nello stesso giardino … e non trovano quello che stanno cercando …
Invece ciò che stanno cercando potrebbe essere trovato in una sola rosa …”

Quindi il Piccolo Principe aggiunse: “Ma gli occhi sono ciechi”.

Devi cercare con il tuo cuore …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close