Ti capita mai di prendertela con te stessa per avere un cuore così buono con coloro che non lo meritano?

Quante volte ce la prendiamo con noi stessi per avere un cuore così buono con coloro che non lo meritano? Quante volte capita di pentirci della nostra gentilezza, docilità e generosità verso coloro che semplicemente non ci considerano abbasta?

Credo che la vita sia un viaggio durante il quale la prima regola è imparare.

Le esperienze felici si intersecano con quelle meno felici, ma sono gli errori che ci pungono e ci spingono a trovare modi per essere in pace con il mondo e noi stessi.

Quel momento in cui ti rendi conto che hai commesso “un grande, plateale errore” può essere uno spartiacque nella tua vita.

Uno dei miei più grandi desideri è trovare equilibrio e pace.

Dopo la fase di ricerca, insicurezze, fretta e un po’ di impazienza,
oggi voglio davvero la tranquillità del mio cuore.

Ecco perché ho ridotto l’intensità delle mie aspettative e mi sforzo di non farmi male con ciò che non posso controllare.

Reciprocità, amore, attenzione, amicizia e considerazione, sono cose che non vengono addebitate e quindi non possono essere controllate.

Il massimo che possiamo fare è proteggerci. Non correre il rischio di farci del male.
Imparare a proteggere la nostra vulnerabilità. Imparare ad amarci.

Quante volte ci sentiamo arrabbiati con noi stessi per avere un cuore così aperto verso coloro che non lo meritano? Quante volte ci siamo pentiti per essere stati dolci, disponibili, accomodanti con coloro che non si preoccupano per noi?

Quante volte ci sembra di sprecare il nostro tempo nutrendo relazioni unilaterali, cercando di essere gentili, premurosi e amorevoli con chi non ha mai avuto cura di noi?

Non è una questione di indurire i nostri cuori, di mettere da parte la dolcezza e la delicatezza, ma di imparare a separare le zizzanie dal grano.

Per iniziare ad essere più affettuosi con noi stessi e quindi imparare a distinguere ciò che deve essere considerato da ciò che deve essere ignorato.

Molte volte sbagliamo. È un errore doloroso quello che ci fa investire tempo e attenzione verso qualcuno che riteniamo “speciale” nella certezza che ad un certo punto saremo ricambiati.

Immaginiamo risultati degni di favole e proiettiamo le nostre illusioni su persone così diverse da noi.

Siamo irragionevolmente romantici, irreali, pensiamo che tutto accadrà così come lo desideriamo, che sia fantastico.

Invece, dopo una certa esperienza e qualche “caduta da cavallo”, ci rendiamo conto che l’aspettativa è la prima forma di delusione.

Ma nessuno è immune all’illusione; semplicemente perché amare, anche se è un rischio, rimane il più grande combustibile della vita.

Non aspettarti sempre una ricompensa. Non aspettarti sempre la reciprocità. Non aspettarti una “paga” o un premio per tutto il tempo che hai dedicato gratuitamente.

Fai quello che vuoi fare perché ti fa bene, perché ti rende una persona migliore, calma il tuo cuore e ti libera dal rimorso.

Ma non crearti aspettative o non aspettarti riconoscenza per la tua gentilezza e generosità. Abbi un cuore buono perché fa bene a te, ma non aspettarti applausi o riconoscimenti.

Sii premurosa e affettuosa, ma prima prenditi cura di te stessa. La tua più grande responsabilità sei tu, quindi non trascurare i tuoi bisogni e desideri.

Ricorda sempre che non devi essere utile per essere amato; che colui che ti ama veramente, non si cura della tua utilità, del tuo utilizzo.

E questo deve essere abbastanza per rilassarti, per smettere di essere così esigente o di desiderare la perfezione.

Questo deve essere abbastanza per te, per rispettare i tuoi limiti e infine lasciarsi alle spalle ciò che causa dolore al tuo cuore.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close