I bambini non possono fare tutto. Spetta ai genitori imporre i limiti

I bambini imparano a comportarsi nella società vivendo con altre persone, specialmente con i loro genitori.

La maggior parte dei comportamenti infantili vengono appresi attraverso l’imitazione, la sperimentazione e l’invenzione.

Se i genitori permettono ai bambini, per quanto piccoli, di fare ciò che vogliono, non insegnano loro nozioni di confini individuali, relazionali e non danno loro nozioni su ciò che possono o non possono fare.

I genitori usano diversi argomenti per giustificarsi: “Non sanno quello che stanno facendo”. “È troppo piccolo per imparare.” “Sappiamo che non dovremmo cedere… ma è così carino.”

Sappiate che quando un bambino compie un’azione per la prima volta, si guarda sempre intorno per vedere qualcuno ne è contento. Se vede gradimento, approvazione, ripete il comportamento, capisce che piace.

Da solo non è ancora in grado di valutare l’idoneità del suo gesto.

Pertanto, ogni volta che i genitori accettano una battuta di troppo, una mancanza di rispetto, la violazione dei confini, stanno facendo sì che i loro figli rompano il limite naturale al loro comportamento nella famiglia e nella società.

Sebbene siano più forti, i genitori che non reagiscono alla rottura dei limiti dei bambini, finiscono per permettere loro, molto più deboli, di maltrattarli, invertendo l’ordine naturale secondo cui i deboli dovrebbero rispettare il più forte.

La forza dei genitori è quella di trasmettere ai loro figli la differenza tra ciò che è accettabile o no, giusto o sbagliato, tra ciò che è essenziale e superfluo e così via.

Chiedere un giocattolo è accettabile, ma rompere il giocattolo mezz’ora dopo averlo ottenuto e chiederne subito un altro, è inaccettabile.

È importante definire i limiti abbastanza presto e molto chiaramente, perché in seguito sarà necessario dire al quindicenne che non è consentito andare a fare un giro con la macchina di suo padre, e questa è la fine.

Lo studio è essenziale; quindi, i bambini hanno l’obbligo di studiare. Se non lo fanno, dovranno sempre sopportare le conseguenze delle loro azioni, e queste devono essere precedentemente stabilite dai genitori.

Possono giocare solo dopo aver studiato, per esempio.
In ciò che è essenziale, i genitori dovrebbero dedicare più tempo a monitorare attentamente se la regola viene rispettata.

I bambini devono capire che hanno la responsabilità di studiare e che i loro genitori li stanno aiutando a compiere un dovere che fa parte della vita.

Içami Tiba – Limite nella giusta misura

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close