Esiste un legame scientifico tra depressione e disordine

Piatti nel lavandino, giocattoli sparsi per tutta la casa, oggetti che coprono ogni superficie piana; questo disordine non solo fa sembrare sporche e trascurate le nostre case, ma ci fa sentire male.

Almeno questo è quello che i ricercatori del Centro della UCLA su Everyday Lives and Families (CELF), hanno scoperto quando hanno studiato in tempo reale la relazione tra 32 famiglie della California e gli oggetti nelle loro case.

Il libro risultante, “La vita a casa nel ventunesimo secolo”, è uno sguardo raro su come gli americani della classe media usano lo spazio nelle loro case e interagiscono con le cose che accumulano nel corso della vita.

I nostri armadi, per esempio, traboccanti di cose che raramente tocchiamo.

Si scopre che il disordine ha un profondo impatto sul nostro umore e sull’autostima.
Gli antropologi, i sociologi e gli archeologi della CELF hanno scoperto:

Un legame tra alti livelli di cortisolo (ormone dello stress) nei proprietari di case femminili e un’alta densità di oggetti per la casa.

Più roba contiene una casa, più stressate si sentono le donne. Gli uomini, d’altra parte, non sembrano infastiditi dal disordine, che spiega le tensioni tra le mogli ordinate e i loro borbottii.

Le donne associano una casa in ordine con una famiglia felice e di successo.

Più piatti si accumulano nel lavandino, più le donne si sentono ansiose.

Anche le famiglie che vogliono ridurre la confusione spesso sono emotivamente paralizzate quando si tratta di ordinare e buttare oggetti.

Non possono spezzare i legami sentimentali che rappresentano gli oggetti o credere che le loro cose abbiano un valore monetario nascosto.

Anche se i consumatori statunitensi danno alla luce solo il 3% dei bambini del mondo, comprano il 40% dei giocattoli del mondo.

E questi giocattoli vivono in ogni stanza e si contendono lo spazio con i trofei dei bambini, le opere d’arte e le istantanee della loro ultima partita di calcio.

Sebbene “Life At Home” documenti il problema della confusione, il libro non offre soluzioni. Ma ci sono alcune cose semplici che possiamo fare permettere in ordine le nostre case e sollevare il nostro morale.

Adotta la regola dei cinque

Ogni volta che ti alzi dalla tua scrivania o cammini in una stanza, metti via cinque cose. Oppure, ogni ora, dedica cinque minuti per ordinare . Alla fine della giornata, avrai pulito per un’ora.

Sii spietata con il tuo lavello della cucina

Impegnati a pulire ogni giorno il tuo lavandino. Bastano un paio di secondi in più per posizionare un piatto nella lavastoviglie piuttosto che scaricarlo nel lavandino. Un lavandino pulito aumenterà immediatamente il tuo morale e diminuirà l’ansia.

Metti via le foto

Torna al passato solo quando le foto degli antenati o dei matrimoni hanno guadagnato un posto. Metti istantanee in un album di famiglia, liberi in questo modo, immediatamente molte superfici

Tieni sgombra la porta del frigorifero

I ricercatori hanno trovato una correlazione tra il numero di oggetti attaccati alla porta del frigorifero e la quantità di confusione in tutta la casa. Appunti, magneti, menu del ristorante. Posiziona poi i calendari in luoghi meno vistosi.

Verifica se ti mancherà

Riempi una scatola con oggetti che non ami o non usi. Sigilla la scatola e posizionala in un armadio. Se non hai aperto la scatola in un anno, donala (non aprirla!) In beneficenza.

Un articolo sul quale riflettere e semplici consigli da mettere in pratica condividendoli con i vostri amici!

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close