Volete conoscere la personalità di una persona? Datele un pò di potere.

La Sindrome del Piccolo Potere è un disturbo del comportamento individuale che mina le relazioni sociali e può distruggere ogni possibilità di stabilire una convivenza, a scapito della soddisfazione di un individuo arrogante, autoritario e .

Le persone afflitte da questa sindrome spesso hanno un’autostima estremamente compromessa, essendo portate ad avere il bisogno di umiliare gli altri nel tentativo di far cessare il proprio senso di inutilità. Sviliscono l’altro per sentirsi più grandi.

Questi individui abitualmente, si sentono fuori posto, inferiori e per questo reagiscono in modo aggressivo contro chiunque possa rappresentare una minaccia per la loro “autorità”.

L’autorità è qualcosa che va conquistata.

È il risultato del riconoscimento di un’abilità sviluppata, di uno sforzo, di un impegno, di una performance di ruoli che rende esplicita la competenza. L’autorità dipende dal consenso dell’ambiente.

Già l’autoritarismo è un’altra cosa. È l’istituzione di un potere con la forza. È l’atteggiamento aggressivo che cerca di soggiogare l’altro.

L’autoritarismo deriva dall’incompetenza, dalla mancanza di risorse per gestire i conflitti.

Trattare con una persona affetta da Sindrome del Piccolo Potere è molto difficile. Queste persone hanno una grande difficoltà a stabilire limiti di convivenza.

Una volta che hanno visto nell’altro una minaccia al loro supposto potere, non misureranno azioni o modi per affermare loro “autorità” illusoria.

Il vero potere è quello emanato dalla conoscenza. Più sappiamo qualcosa, più potere avremo al riguardo.
E tutto ciò che è coinvolto in questa conoscenza,

dipende dal carattere etico e morale di chi lo possiede.
Dipende dall’importanza sociale di ciò che è noto, da ciò che sarà fatto con questa conoscenza; dipende da come e con chi verrà condivisa questa conoscenza.

Le relazioni di potere oggi sono costruite su una complessa rete di connessioni. Il solido modello di gerarchia, che ha funzionato così bene nei precedenti momenti storici, non funziona più oggi!
E l’individuo con visioni distorte del potere, non ha le risorse per percepire e gestire quella mobilità.

La conoscenza è stata incredibilmente democratizzata grazie allo sviluppo tecnologico.

Chiunque abbia la capacità di leggere e capire ciò che legge, ha accesso a un’infinita varietà di informazioni, pertinenti o futili.

Non è mai stato più facile soddisfare una curiosità o un interesse nell’apprendere qualsiasi cosa.

Questo accesso aperto alla conoscenza, tuttavia, richiede un grado molto maggiore di responsabilità da parte nostra.

Oggi dobbiamo essere decisori. Il nostro fare politico, per esempio … è inutile avere il potere di eleggere i nostri rappresentanti se ancora ci ostiniamo a sceglierli irresponsabilmente.

Pensiamo ad una sfera istituzionale più piccola dello Stato; un’azienda, per esempio. In qualsiasi azienda, anche se esiste una struttura di cooperazione,

è necessario essere in grado di mediare le relazioni; ci deve essere un leader che è responsabile per garantire l’organizzazione, l’equilibrio e la produttività. Senza una leadership che rappresenta valori e bisogni collettivi, ne consegue il caos.

E, una volta stabilito il caos, tutti sono alla deriva. L’individualismo è il caos. Ogni pensiero sui propri interessi è il caos. La nostra natura esplorativa ha creato il caos in una crisi ambientale senza precedenti. Siamo caduti vittima della nostra stessa sfrenata ambizione.

È andato tutto perso? Non c’è salvezza per la nostra “razza umana”?
Si. Ed è nelle nostre mani, più concretamente di quanto sia mai stato.

Dobbiamo capire esattamente cosa rappresenta questo potere. Dobbiamo ridefinire il nostro ruolo nelle relazioni reciproche e con il mondo.

Il potere è necessario per guidare il cambiamento, superare gli ostacoli. La sua natura si sta trasformando. Ciò che modulerà questo potere è il carattere di colui che lo esercita.

E non importa se l’autore di comportamenti abusivi è un leader del governo, il genitore di una famiglia o un compagno di lavoro. L’abuso deve essere fermato.

L’aggressore è qualcuno che abusa del potere che ha o immagina di avere. E non di rado l’unico modo per fermarlo, è assicurarsi che non abbia alcuna possibilità di pensare che possa fare è ottenere più di altri.

Nessuna relazione interpersonale può essere basata su posizioni di dominio e sfruttamento. Sfortunatamente, in molti casi è inutile insistere, perché per mancanza di carattere, ci si rassegna e si preferisce subire.

Non hanno ancora inventato la medicina adatta per questo.
E non può essere cercata su Google!

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close