Il bel messaggio di Stephen Hawking contro la depressione

Stephen Hawking è, senza dubbio, una delle menti più privilegiate del nostro tempo. Oltre ai suoi importanti contributi nel mondo della fisica e sull’origine dell’universo, la sua è una storia che ha leggende nella leggenda.

Il 7 gennaio 2016, Stephen Hawking tenne una conferenza alla Royal Society.
Il suo contenuto è stato recentemente trasmesso su Internet.

A differenza di ciò che molti potrebbero pensare, il tema centrale del suo intervento non erano i misteri del Big Bang, o della luce o dello spazio. Hawking decise di parlare delle persone depresse e di altri problemi emotivi.

“Non importa quanto dura possa sembrare la vita, ma perdi ogni speranza se non riesci a ridere di te stesso e della vita in generale.”
-Stephen Hawking-

Il suo messaggio ha un valore enorme. Non solo perché proviene da uno dei cervelli più lucidi del nostro tempo, ma principalmente perché lui stesso ne è un esempio.

Ha vissuto una vita molto più dura rispetto a tanti altri. Tuttavia, è rimasto fermo nella lotta per i suoi obiettivi e sogni. Ecco perché Stephen Hawking aveva ben diritto di parlare della tristezza.

Tracce della vita di Stephen Hawking

Stephen Hawking è nato in una famiglia che ha profondamente apprezzato il valore della conoscenza. Suo padre era un prestigioso biologo.

Stephen era il figlio maggiore e aveva due sorelle e un fratello adottivo. Da bambino era un bravo studente, ma mai uno dei più brillanti. Finì di studiare scienze naturali a Oxford e si specializzò in fisica.

All’età di 21 anni, a Stephen Hawking fu diagnosticata una sclerosi laterale o sclerosi amiotrofica. Una malattia degenerativa di tipo neuromuscolare.

Stava per sposarsi e i medici non gli diedero più di 2 o 3 anni di vita. Contro ogni previsione, ha vissuto fino a 76 anni. Nonostante abbia perso sempre più capacità motorie.

Nonostante tutto, Hawking ha condotto una vita felice e produttiva. Ha ricevuto 24 premi per il suo lavoro. Tra questi, la medaglia Albert Einstein e il premio Principe delle Asturie. I suoi principali contributi alla fisica sono legati alla concettualizzazione e alla descrizione dei buchi neri.

Il messaggio di Hawking

La vita non è stata facile per Stephen Hawking. Fu costretto a nuotare contro corrente, a causa della sua malattia. Tuttavia, la progressiva perdita delle sue facoltà, non gli impedirono di continuare il suo lavoro, la sua vita familiare e il suo ruolo di grande faro nel mondo scientifico e umano.

Sembrava sempre felice. Scherzava e si interessava al destino degli altri.
In un intervento descritto come geniale e stimolante, lo scienziato ha costruito metafore legate ai fenomeni astronomici per parlare di depressione.

Il suo intervento aveva un solo scopo: inviare un messaggio di speranza per i milioni di persone nel mondo che soffrono di questa malattia mentale.

“Il messaggio di questo discorso è che i buchi neri non sono così neri come vengono dipinti. Non sono prigioni eterne come si pensava una volta.

Le cose possono uscire da un buco nero da entrambi i lati e possibilmente in un altro universo. Quindi se ti siedi in un buco nero, non arrenderti: c’è una via d’uscita “.

Hawking parlò davanti a 400 persone delle conquiste che aveva compiuto nella sua vita e di cosa significasse soffrire di sclerosi laterale amiotrofica dal 1963.

“Nonostante la mia malattia, sono stato molto fortunato.
Sono stato molto fortunato a poter lavorare sulla fisica in un’epoca affascinante ed è una delle poche aree in cui la mia disabilità non è stato uno svantaggio “.

Lo scienziato britannico ha sempre ritenuto molto importante non diventare una persona arrabbiata, che vive nella rabbia.

“Non importa quanto dura possa sembrare la vita, ma perdi ogni speranza se non riesci a ridere di te stesso e della vita in generale.”
Indubbiamente stava esortando tutti a sperare.

Le sue parole invitano a non mollare perché c’è sempre una via d’uscita.
Lo ha detto qualcuno che dalla sua giovinezza più tenera ha dovuto vivere legato a una sedia a rotelle e incapace di condurre una vita come quella degli altri.

Il messaggio è chiaro.
Il suo grande insegnamento non è quello di concentrarsi su tutto ciò che la vita gli ha privato. Al contrario. È quello di sfruttare al massimo ciò che si ha, ciò che si può fare, ciò che si può godere.

Sicuramente avrà attraversato molti momenti di disperazione. L’importante è che sia stato in grado di superarli e di diventare quello che è diventato.

Hawking parlò infine dell’importanza di accettare la realtà così com’è.
Ribadì che non è intelligente farsi prendere dalle emozioni negative.

Queste servono solo a peggiorare le cose e impediscono la felicità.
La folla lo applaudì in modo speciale in quell’occasione.

Oggi le sue parole risuonano ancora e possono sicuramente risuonare in coloro che hanno bisogno di una voce di incoraggiamento e di speranza.

Close
Close