Perché una donna perdona l’uomo che la tratta male?

Questo fenomeno psicologico può sembrare strano o irrazionale, ma dietro di esso c’è una logica.

Come possono, molte donne vittime di abusi, perdonare il loro aggressore più e più volte?

Questa domanda ha diverse risposte, molte delle quali molto studiate già dalla psicologia, dalla sociologia e da altre discipline.

La ragione è profondamente legata all’educazione ricevuta dalle donne nel corso della storia, al ruolo secondario imposto dalla società nel corso degli anni e all’ombra di questo comportamento “segnato nel DNA culturale”.

Ma ci sono anche alcune ragioni strettamente legate all’apprendimento comportamentale, che hanno una spiegazione.

Donne maltrattate che perdonano: impotenza appresa

Oggi, si è capito un po’ meglio il perché di alcuni comportamenti delle donne vittime di abusi da parte degli uomini.
Vi spiegheremo una delle molte ragioni per cui una donna non può rispondere a una situazione di abuso, come la maggior parte di noi si aspetta che faccia.

Parliamo di impotenza appresa.
L’impotenza appresa in una donna maltrattata, non è altro che un’alterazione della funzione cognitiva delle donne che generano un comportamento passivo ad una serie di eventi che lei percepisce come incontrollabili.

Ciò rende molto difficile per le donne maltrattate trovare i modi ottimali per porre fine a una relazione violenta, principalmente perché la loro funzione cognitiva di attenzione, è focalizzata sul rimanere viva.

Una persona impara a non difendersi quando crede in modo convincente che combattere questa situazione di abuso, non fermerà le aggressioni dell’altro.

Pertanto, la donna smette di cercare di fermare quella situazione e crea inconsciamente strategie di coping per vivere “in sicurezza” all’interno di quella situazione di abuso.

Quando una donna soffre di impotenza appresa, il suo comportamento si basa sulla diminuzione del dolore, ma non ferma gli attacchi, perché ritiene che la causa degli eventi sia totalmente fuori dal suo controllo. Pensa di non poter fare nulla per fermare questo situazione, aspetta solo che accada.

Il ruolo dello stile di attribuzione

Uno dei fattori di rischio di impotenza appresa, sono gli stili di attribuzione.
Questi determinano il modo in cui di solito diamo una spiegazione alle diverse cose che accadono intorno a noi.

Generalmente le persone con uno stile di attribuzione positivo, tendono ad apprezzare il mezzo come prevedibile o controllabile. Questo senso di controllo ci fa mantenere il nostro livello di autostima.

Tuttavia, le persone con impotenza appresa, come detto, hanno uno stile di attribuzione negativo, percepito come situazioni imprevedibili e incontrollabili intorno a loro e perdono autostima.

Le persone che si trovano in questa situazione sottovalutano il livello di controllo che hanno effettivamente.

Le ripercussioni emozionali

Le conseguenze di impotenza appresa, tra le altre, sono stati emotivi negativi che sono caratterizzati da alti livelli di ansia, depressione, frustrazione, la mancanza di fiducia nelle proprie capacità, mancanza di iniziativa, la mancanza di motivazione, negatività, l’isolamento sociale, etc. .

Una donna (e un uomo) mai e in nessuna circostanza ama essere soggetta a una situazione di abuso.

Questa premessa è evidente e deve prevalere su qualsiasi giudizio di valore che possiamo formulare, per quanto la situazione possa sembrare incomprensibile per noi.

C’è sempre una ragione per cui si vive in quel tipo di relazione tossica.
Spesso è quella di concentrarsi soltanto su come sopravvivere.

Una considerazione importante, sulla quale riflettere e assolutamente da condividere.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Close
Close